Arte Circense

 

SCUOLA DI CIRCO

opencircus-colori

PREMESSA

 

Il corso propone l’insegnamento delle discipline circensi con un taglio fortemente pedagogico dove primario è il benessere del bambino e l’attenzione alle dinamiche di crescita individuali e di gruppo.

Si utilizzano le tecniche del circo come strategie educative alternative, in grado di potenziare le capacità espressive ed artistiche dei ragazzi.

All’interno di questo spazio di svago e formazione, si trasmettono regole, punti di riferimento e valori di notevole importanza sociale come la solidarietà, il rispetto e la fiducia che favoriscono una migliore integrazione sociale e facilitano il lavoro di gruppo.

Questa metodologia di lavoro, in altre parole, facilita la creazione di un processo di auto valorizzazione ed autostima.

 

METODO, LINEE GUIDA

 

  • L’attività non presenta un obiettivo performativo; l’attenzione alla tecnica è finalizzata al raggiungimento di obiettivi educativi e pedagogici, riguardanti il benessere della persona e il suo sviluppo psicofisico positivo. L’apprendimento delle tecniche dunque, è uno strumento e non il fine dei laboratori.

 

  • L’attività prende il via dall’ascolto della persona, delle sue esigenze, bisogni e desideri; inoltre, attraverso la libera espressione di sé, ognuno ha modo di esprimere e sviluppare le proprie potenzialità.

 

  • L’attività si svolge in gruppo, dunque grande attenzione è data alle dinamiche che si sviluppano al suo interno; parallelamente medesima importanza è data al singolo e alla sua valorizzazione.

 

  • Gli incontri hanno una struttura fissa con momenti ben codificati e separati che danno vita ad un rituale che si ripete all’interno di ogni lezione. Lo schema comunque non si presenta come rigido: la durata e la modalità di realizzazione dei diversi momenti sono variabili a seconda del le energie in atto e delle dinamiche di gruppo.

 

  • La pedagogia dei corsi è fondata sull’apprendimento attivo ed esperienziale attraverso il gioco. L’aspetto ludico permette la rielaborazione delle attività quotidiane mediante la sua funzione teatrale di messa in scena di latenze emotive, oltre che contribuire alla nascita di un clima di allegria e gioia.

 

 

  • Il limite si può trasformare in risorsa nel momento in cui se ne prende coscienza. In quest’ottica l’errore è visto come un passaggio fondamentale nel processo di apprendimento. Nel circo è consentito sbagliare e non si viene mai rimproverati per gli errori commessi, si lavora sulla sospensione del giudizio, al tempo stesso però si punta a incrementare l’autocritica.

 

  • La pedagogia circense è estremamente differenziata: l’ampia gamma di attrezzi e discipline garantisce la possibilità ad ognuno di soddisfare le proprie esigenze e preferenze, dando modo di valorizzare le qualità e caratteristiche di tutti. Nel corso dell’attività tutti sperimentano tutto, per poter poi scegliere in seguito cosa approfondire. Sotto il tendone del circo c’è posto per tutti.

 

LE DISCIPLINE

 

Le attività sperimentate nei nostri corsi di circo sono molteplici; i gradi di difficoltà delle proposte e di utilizzo degli attrezzi vengono adattate alle età specifiche e alle caratteristiche particolari di ciascun gruppo.

 

– attività di movimento e di espressione corporea individuale e di gruppo

– proposte di tipo teatrale di mimica del corpo e utilizzo della voce, clownerie

– acrobatica a terra individuale: rotolate, capovolte, verticali e ruote

– acrobatica a terra in coppia (acrobalance)

– acrobatica di gruppo: piramidi umane

– equilibrismo: asse d’equilibrio, rolla-bolla, rulli, pedalò, trampoli

– giocoleria (tecniche ed utilizzo creativo dell’oggetto): fuolard, palline, cerchi, clave, piatti cinesi, diablo, kiwido, flower-stick

 

OBIETTIVI

 

Gli obiettivi presentano una divisione in tre aree e si declinano diversamente a

seconda delle età del soggetto.

 

Area educativo-pedagogica:

  • creazione di un gruppo affiatato e coeso
  • sviluppo della socializzazione e della capacità di instaurare relazioni positive in gruppo (rispetto e valorizzazione delle diversità, collaborazione)
  • possibilità per i singoli di vedere il gruppo come risorsa e come luogo dove stare bene ed esprimersi liberamente
  • attenzione all’individuo e valorizzazione delle caratteristiche positive di ognuno
  • sviluppo della conoscenza di sé dei propri limiti e delle proprie possibilità
  • aumento dell’autostima attraverso la valorizzazione di sé
  • sviluppo del senso di responsabilità e rispetto verso se stessi, gli altri, il materiale e le regole
  • sviluppo di costanza, disciplina e motivazione
  • integrazione dei soggetti maggiormente delicati o caratterizzati da maggiori difficoltà di inserimento

 

 

Area espressivo-creativa:

  • stimolazione della capacità immaginativa, creativa e superamento degli stereotipi
  • sviluppo della capacità di comunicazione verbale e non verbale, e della capacità di mettersi in gioco
  • incentivazione di un rapporto positivo con il nuovo
  • incremento dell’autocoscienza, attraverso il rendere i partecipanti protagonisti attivi di una forma artistica e della propria vita e non spettatori passivi

 

Area fisico-motoria:

  • miglioramento della conoscenza del proprio corpo e dei suoi movimenti nello spazio
  • sviluppo del controllo motorio
  • sviluppo motorio armonico del corpo in salute
  • sviluppo della coordinazione e delle capacità di concentrazione
  • sviluppo di abilità specifiche relative alle diverse discipline circensi